Mutui

Mutui

In genere un mutuo viene richiesto per acquistare, costruire o ristrutturare la propria abitazione principale o la casa per le vacanze.
E’un finanziamento che può essere erogato a tasso fisso (quando la rata del mutuo non varia durante la durata del prestito), a tasso variabile (quando la rata del mutuo varia in dipendenza dei tassi del mercato monetario e finanziario), con tasso d’ingresso (quando, per un certo periodo iniziale, viene applicato un tasso ridotto. Alla scadenza di detto periodo, è prevista l’applicazione dell’usuale tasso fisso e/o variabile corrente al momento della scadenza).
La durata solitamente va da 5 a 30 anni, ma alcune banche arrivano a 40 e 50 anni.

Agevolazioni

Gli interessi passivi pagati in un mutuo ipotecario stipulato per l’acquisto dell’abitazione principale (prima casa) sono detraibili dall’IRPEF. La detrazione spetta nella misura del 19% su un importo massimo di 3.615,20 euro (importo elevato dalla Legge Finanziaria 2007 a 4.000 euro a partire dal periodo d’imposta 2008, quindi con rilevanza per le dichiarazioni dei redditi dal 2009 in poi) se sussistono le seguenti condizioni:
• L’unità immobiliare è stata adibita ad abitazione principale entro dodici mesi dall’acquisto;
• L’acquisto è avvenuto nei dodici mesi antecedenti o successivi alla data di stipula del mutuo;
• Nel caso di acquisto d’immobile locato, sia stato notificato al locatario, entro tre mesi dall’acquisto, atto d’intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio dell’immobile da parte del locatore, l’immobile stesso sia adibito ad abitazione principale;
• Nel caso di immobile da ristrutturare, il mutuatario vi abbia posto la sua dimora principale entro due anni dall’acquisto.

Sono detraibili dall’IRPEF anche gli interessi di un mutuo stipulato per finanziare la costruzione dell’abitazione principale. In tal caso, l’importo massimo detraibile (sempre nella misura del 19%) è di 2.582 euro (importo non modificato dalla Legge Finanziaria 2007).
La detrazione è ammessa a condizione che la stipula del contratto di mutuo avvenga nei sei mesi antecedenti o nei diciotto mesi successivi all’inizio dei lavori di costruzione (Legge di conversione 29 Novembre 2007, n° 222, del Decreto Legge 159/07, art. 44, comma 4-ter).

Se hai qualche domanda o vuoi maggiori informazioni compila il modulo seguente:
Richiesta